"Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente." (K. Marx)

This is some blog description about this site

STARACE E IL "MANIPOLO DI CAMBIATORI" Come si guida un'azienda? Ispirando paura nei dipendenti.

STARACE E IL "MANIPOLO DI CAMBIATORI"                       Come si guida un'azienda? Ispirando paura nei dipendenti.

Quello che leggete non è il titolo di qualche film di Ken Loach o di
qual sito o giornale "estremista" ma l'estrema sintesi di quanto
affermato da Francesco Starace, attuale amministratore dell'Enel. Io
no so se abbia qualche attinenza con Achille Starace noto gerarca
fascista il quale aveva anch'esso una visione dei rapporti sociali ed
interpersonali basati su rigide gerarchie sociali e umane. Ma per
evitare fraintendimenti e soprattutto per richiamare l'attenzione su
come questi signori interpretano la lotta sociale è meglio far parlare
lo Starace stesso. Il discorso è stato tenuto presso la Luiss
Università posseduta e gestita dalla Confindustria. "Per cambiare
un'organizzazione ci vuole un gruppo sufficiente di persone convinte
di questo cambiamento, non è necessario sia la maggioranza, basta un
manipolo di cambiatori. Poi vanno individuati i gangli di controllo
dell'organizzazione che si vuole cambiare e bisogna distruggere
fisicamente questi centri di poteri. Per farlo, ci vogliono i
cambiatori che vanno infilati lì dentro, dando ad essi una visibilità
sproporzionata rispetto al loro status aziendale, creando quindi
malessere all'interno dell'organizzazione dei gangli che si vuole
distruggere. Appena questo malessere diventa sufficientemente
manifesto, si colpiscono le persone opposte al cambiamento, e la cosa
va fatta nella maniera più plateale e manifesta possibile, sicché da
ispirare paura o esempi positivi nel resto dell'organizzazione. Questa
cosa va fatta in fretta, con decisione e senza nessuna requie, e dopo
pochi mesi l'organizzazione capisce perché alla gente non piace
soffrire. Quando capiscono che la strada è un'altra, tutto sommato si
convincono miracolosamente e vanno tutti lì. E' facile".  Un manifesto
del capitalismo odierno un chiaro riferimento storico per farci capire
che siamo in viaggio verso quello, con qualche forzatura, un ritorno
all'ottocento. Resta da capire come ancora oggi vi siano militanti,
semplici votanti o opinionisti di sinistra convinti, ancora, che
questo capitalismo senile sia emendabile. Il riformismo è una utopia
del passato. Fanno la lotta di classe dall'alto e la fanno molto,
molto bene.

                                                     Alfonso De Amicis

322 Visite
0 Commenti

LA SCUOLA RESISTE E SCIOPERA CONTRO RENZI.

LA SCUOLA RESISTE E SCIOPERA CONTRO RENZI.

Dopo aver attaccato le condizioni di esistenza di tutti i lavoratori, precarizzando lavoro, reddito, età pensionistica, dopo aver liquidato quel che restava dello Statuto dei lavoratori consegnando i dipendenti all’arbitrio del comando padronale, dopo aver trasformato in senso autoritario la rappresentanza parlamentare in nome del principio della “governabilità”, i governi della crisi hanno messo a punto una ridefinizione della scuola e della formazione che risponde ai desiderata delle classi dominanti italiane ed europee.

...
Continua a leggere
137 Visite
0 Commenti

I social media e la terza Intifada: la scomoda verità

I social media e la terza Intifada: la scomoda verità

Sei mesi dopo il suo inizio, sono state poste più domande che fornite risposte relativamente alla violenta rivolta dei giovani nei territori palestinesi occupati. “E’o non è una terza intifada?” è stata la questione più dibattuta da molti media ed analisi. La seconda, “I social media vi hanno contribuito?”, ha provocato un analogo disorientamento sul loro ruolo nell’ultima rivolta dei giovani.

...
Continua a leggere
210 Visite
0 Commenti

Colonizzazione dell'immaginario e controllo sociale

Colonizzazione dell'immaginario e controllo sociale

16 Aprile 2016

...
Continua a leggere
172 Visite
0 Commenti

SOLIDARIETA' CON LO SCIOPERO GENERALE IN FRANCIA DEL 28 APRILE! APPELLO

SOLIDARIETA' CON LO SCIOPERO GENERALE IN FRANCIA DEL 28 APRILE!  APPELLO

APPELLO DEL SINDACATO FRANCESE SOLIDAIRES
A PROMUOVERE INIZIATIVE DI SOLIDARIETÀ DAVANTI ALLE AMBASCIATE E AI
CONSOLATI FRANCESI
IN OCCASIONE DELLA GIORNATA DI SCIOPERO GENERALE DEL 28 APRILE
Buongiorno cari compagni,
come sapete un imponente movimento sociale si sta manifestando
attualmente in Francia contro la riforma del lavoro, proposta dal
Ministro Myriam El Khomri, che costituisce un attacco senza precedenti
contro il codice del lavoro.
Diverse giornate d'azione, di scioperi e manifestazioni si sono già
svolte nel mese di marzo.
Il punto più alto di questa mobilitazione è stato, senza dubbio, la
giornata dello sciopero del 31 marzo quando non meno di un milione e
duecentomila persone hanno manifestato nelle città francesi.
Durante queste manifestazioni e azioni, prendendo a pretesto la
situazione dello stato d'emergenza, le forze di polizia hanno
moltiplicato le provocazioni e gli arresti nei confronti dei militanti e
delle militanti. Questa repressione si è abbattuta, e non è un caso,
soprattutto sui giovani che partecipano massicciamente al movimento. Si
tratta certo di fatti non nuovi, ma, una volta di più, il governo usa la
forza e la criminalizzazione del movimento sociale per meglio screditarlo.
E già da ora è fissata una nuova data di mobilitazione, che si annuncia
massiccia, il giorno 28 aprile, con un appello intersindacale di 7
organizzazioni, allo sciopero generale sulla parola d'ordine: “Né
negoziabile, né emendabile, ritiro della Legge sul Lavoro”.
Al fine di dare eco alla nostra mobilitazione, abbiamo bisogno del
vostro sostegno, cari compagni, care compagne.
Vi proponiamo, a questo fine, d'organizzare, in questa giornata di
sciopero generale di giovedì 28 aprile (o nei giorni che precedono
questa data), presidi di sostegno al nostro movimento sociale davanti ai
consolati e alle ambasciate di Francia nei vostri Paesi.
Saluti sindacalisti e internazionalisti
Jérémie Berthuin per la Commissione internazionale di Solidaires

246 Visite
0 Commenti

"SE LA POLIZIA TOCCA UNO STUDENTE; BLOCCHIAMO I PORTI"

"SE LA POLIZIA TOCCA UNO STUDENTE; BLOCCHIAMO I PORTI"

Dopo il caso di Danon del liceo Bergson, a Parigi, preso a pugni da tre poliziotti che gli hanno spaccato il naso, e la vicenda di Ryan, il quindicenne fermato per 24 ore con l’accusa di aver tentato di bruciare un cassonetto davanti al liceo Voltaire, che ora rischia fino a 10 anni di prigione e 75mila euro di penale per danneggiamento di beni materiali suscettibile di causare danni a terzi, al liceo Blanqui, a Saint-Ouen, i militari pattugliano l’ingresso dell’edificio, formalmente per ottemperare al piano Vigipirate antiterrorismo.

...
Continua a leggere
311 Visite
0 Commenti

BOLOGNA, MARZO 1977

BOLOGNA, MARZO 1977

La creta, la selenite e l’arenaria.
Di qui nasce il colore di Bologna.
Nei tramonti brucia torri e aria.

...
Continua a leggere
418 Visite
0 Commenti

SONO PASSATI 39 ANNI DALL'ASSASSINIO DI FRANCESCO:IL NOSTRO DOLORE E LA NOSTRA RABBIA SONO SEMPRE LE STESSE. LA LOTTA CONTINUA!

SONO PASSATI 39 ANNI DALL'ASSASSINIO DI FRANCESCO:IL NOSTRO DOLORE E LA NOSTRA RABBIA SONO SEMPRE LE STESSE. LA LOTTA CONTINUA!

                                                                                                              (da un documento del 77)

...
Continua a leggere
471 Visite
2 Commenti

DAL 1994 ABBIAMO CAPITO DI AVERE I NOSTRI DIRITTI COME DONNE.

DAL 1994 ABBIAMO CAPITO DI AVERE I NOSTRI DIRITTI COME DONNE.

Questo è l'intervento di una donna zapatista al seminario a cui ho partecipato a Maggio. E' il mio omaggio a loro, per il resto non serve a un cazzo dire che è una festa che non festeggia niente. Intanto perché è vero ma vale per tutte le feste, che forse la festa del lavoro festeggia "lavoro liberato" dal capitale? No, il punto è spendere un po' del proprio tempo per sporcarsi le mani. Ma solo un po', mica tanto... (MARIO P:)

...
Continua a leggere
411 Visite
0 Commenti

PRIMO MARZO. Uno spettro si aggira per l'Europa: il proletariato migrante.

PRIMO MARZO. Uno spettro si aggira per l'Europa: il proletariato migrante.

Per il primo marzo prossimo la "Piattaforma dello sciopero sociale transnazionale" ha lanciato una giornata di mobilitazione delle migranti e dei migranti. Un appuntamento che porterà la questione delle migrazioni nelle piazze di molti paesi europei: dalla Polonia alla Francia, dalla Germania al Regno Unito, dalla Svezia all’Italia, fino a coinvolgere i paesi interessati dal flusso dei profughi lungo la rotta dei Balcani. Nel nostro paese le piazze interessate saranno sicuramente Bologna, Milano, Roma

...
Continua a leggere
335 Visite
0 Commenti

LE FOIBE TRA MITO E REALTA'

LE FOIBE TRA MITO E REALTA'

L'istituzione del "giorno del ricordo" nel 2004 da parte del governo Berlusconi con il sostegno del centro-sinistra è stata una operazione politico-culturale tutta orientata a costruire una storia parallela da scagliare contro la "giornata della memoria", la Resistenza, lo stesso 25 Aprile. Tanto che l'attenzione mediatica, ma anche la didattica nelle scuole, al 10 febbraio è perfino superiore a quella del 25 aprile. Si è naturalizzato quest'evento che rovescia la veriità storica su quanto avvenuto sul fronte orientale dove gli italiani diventano martiri del terrore venuto dall'est, quando invece hanno invaso la Jugoslavia, come responsabili diretti di decine di migliaia di morti e corresponsabili dell'invasione nazista di quel paese che ha causato oltre un milione di morti e innumerevoli episodi di indescrivibile atrocità. E' vergognoso che il governo di un paese che è stato responsabile di atrocità in Libia, in Etiopia, nei Balcani, in Grecia, invece di riflettere seriamente sul proprio passato si faccia promotore di un'operazione di dubbia validità stoirica e finalizzata a costruire un'immagine di "italiani brava gente" del tutto falsa. Questa operazione politico-culturale, per la sua ricaduta sul presente, va contrastata con forza. Riproponiamo un'intervista rilasciata da Alessandra Kersevan, studiosa della sua regione, il Friuli, e ricercatrice delle problematiche del fronte orientale.

...
Continua a leggere
687 Visite
0 Commenti

COMUNICATO SUL CONVEGNO "PALESTINA E DINTORNI". FRONTE PALESTINA.

COMUNICATO SUL CONVEGNO "PALESTINA E DINTORNI". FRONTE PALESTINA.

Sabato 23 Gennaio 2016, Roma ha ospitato la Conferenza Nazionale “Palestina e Dintorni. Palestina oggi, avanguardia della resistenza internazionalista”  del Fronte Palestina.

...
Continua a leggere
408 Visite
0 Commenti

LIBERARE TUTTI I DANNATI DELLA TERRA!

LIBERARE TUTTI I DANNATI DELLA TERRA!

Riprendere in mano la questione della carcerazione in questi tempi di dura prevalenza delle ideologie neoliberiste, della “meritocrazia” borghese, della diffusione delle posizioni leghiste e forcaiole, della “tolleranza zero” (ma solo contro i poveri), è un’operazione di minoranza, ma imprescindibile per chi come noi intende condurre una critica radicale a questo sistema. Sappiamo bene che il carcere non è un corpo estraneo della società, che questa istituzione incorpora dentro di sé le contraddizioni “di classe” che sono insite nel capitalismo e che si accentuano nei periodi di crisi economico-sociale com’è quello odierno. Il carcere è quindi un rapporto sociale.

...
Continua a leggere
598 Visite
0 Commenti

PERCHE' LA CAMPAGNA DI LOTTA CONTINUA PER L'ACCERTAMENTO DELLA VERITA' SULL'ASSASSINIO FU GIUSTA.

PERCHE' LA CAMPAGNA DI LOTTA CONTINUA PER L'ACCERTAMENTO DELLA VERITA' SULL'ASSASSINIO FU GIUSTA.

Perché la campagna di Lotta Continua per l’accertamento delle responsabilità del commissario Calabresi nella morte del compagno Pinelli fu giusta

...
Continua a leggere
559 Visite
1 Commento

"L'ALBERO DELLA STORIA E' SEMPRE VERDE"

"L'ALBERO DELLA STORIA E' SEMPRE VERDE"

Il 9 gennaio a Milano abbiamo fatto un primo piccolo passo in avanti verso la costruzione di una Rete di compagni che si riconoscono nell’urgenza di riprendere un cammino interrotto e nella necessità di produrre un nuovo pensiero politico antagonista. Un progetto politico che sappia calarsi nel tempo della crisi senza fine del capitalismo, ma anche confrontarsi con la fragilità dell’odierna opposizione sociale e politica. Un pensiero politico che aspiri a conquistare uno spazio nel conflitto di posizione che ci vedrà impegnati in primo luogo a pensare e a organizzare la resistenza contro gli effetti devastanti della riproduzione del tardo-capitalismo. Quindi in grado di contrastare il carattere predatorio e cannibalesco dell’attuale forma di capitalismo che per sopravvivere e continuare a svilupparsi si vede costretto a consumare la vita delle persone e a divorare i beni naturali di noi tutti. Un sistema che, esaurita la sua spinta propulsiva, appare oggi come la “parte maledetta” della storia.

...
Continua a leggere
586 Visite
0 Commenti

VERSO LA LOTTA GENERALE: LOTTIAMO PER VIVERE!

VERSO LA LOTTA GENERALE: LOTTIAMO PER VIVERE!

(da Lotta Continua  2 febbraio 1972)

...
Continua a leggere
856 Visite
0 Commenti

NE' A GENOVA, NE' DA NESSUN'ALTRA PARTE

NE' A GENOVA, NE' DA NESSUN'ALTRA PARTE

La notizia che i fascisti di Forza Nuova hanno intenzione di radunare a Genova i rottami del nazi-fascismo europeo è una sfida provocatoria a una città con forti radici e tradizioni antifasciste. È una sfida che tutti i sinceri antifascisti devono respingere con fermezza.

...
Continua a leggere
653 Visite
0 Commenti

GUERRA ALLA GUERRA!

GUERRA ALLA GUERRA!

                                                          LE DIFFICOLTA’ DELLA LOTTA ALL’IMPERIALISMO.

...
Continua a leggere
450 Visite
0 Commenti

NON CI SONO MISTERI NELLA STRATEGIA DELLA TENSIONE!

NON CI SONO MISTERI NELLA STRATEGIA DELLA TENSIONE!

La recente morte di Licio Gelli e il ricordo della strage di Piazza Fontana hanno consentito al circo massmediatico di potersi esercitare nel solito repertorio di consolidate banalità. La storia degli anni 60 e 70 sarebbe stato il campo in cui si sono scontrati “opposti estremismi”, in cui si sono tessute “trame oscure” e occultati “misteri” che non saranno mai chiariti.

...
Continua a leggere
513 Visite
0 Commenti

KELLER ELETTROMECCANICA: UNA STORIA IGNOBILE DELLA CRISI DEL SUD.

KELLER ELETTROMECCANICA: UNA STORIA IGNOBILE DELLA CRISI DEL SUD.

Il caso della Keller si colloca nella generale crisi produttiva e occupazionale che ha colpito tutto il paese, e in modo ancora più violento i territori del Sud. Imprese che hanno usufruito di agevolazioni, sussidi, incentivi da parte dei governi per insediarsi nel Meridione (pensiamo al caso clamoroso della Fiat a Termini Imerese), smantellano gli stabilimenti lasciandosi alle spalle disoccupazione e impoverimento di tutto il territorio. L’area palermitana è una delle zone dove la crisi ha colpito duramente: il solo settore metalmeccanico, negli anni della crisi, ha perso circa il 30% dei livelli occupazionali. La Keller Elettromeccanica, nelle sue due sedi di Villacidro (Medio Campidano - Sardegna) e Carini (Palermo), occupava quasi 500 tute blu nella produzione di materiale rotabile e ferroviario. La chiusura di questa importante realtà produttiva del territorio ha seguito il medesimo copione di molte altre situazioni industriali che non sono state in grado di reagire alla crisi e spesso hanno chiuso dopo un’agonia che durava da anni, nell’indifferenza generale. Per la Keller gli ingredienti e i passaggi della crisi sono stati il susseguirsi di situazioni debitorie, la riduzione dei volumi produttivi, i periodi di cassa integrazione, le minacce di chiusura definitiva dei cancelli. Nella fase finale, quando il decesso è oramai prossimo, puntuali si presentano avvoltoi di ogni genere (anche multinazionali) che piombano su quel che resta degli stabilimenti in crisi nel tentativo di acquisirli senza sborsare un euro e senza alcun piano industriale da mettere in campo. Tutto questo succede nella più totale assenza della “politica” a tutti i livelli (salvo qualche inconsistente interesse propagandistico ed elettorale) e nell’incapacità o mancanza di volontà di condurre come si deve le vertenze da parte delle direzioni sindacali, spesso intrallazzate con i partiti politici e fantomatici rappresentanti dell'antimafia che hanno tratto solo collanti per poltrone. Nel caso della Keller un ruolo del tutto negativo è stato giocato dalla Segreteria regionale della Fiom, la stessa che ha gestito il disastro della Fiat di Termini Imerese. Quindi di chi sono le responsabilità nella chiusura della Keller?

...
Continua a leggere
454 Visite
0 Commenti

Gli ultimi numeri del giornale

Seguici su Facebook

Iscriviti al blog

x