"Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente." (K. Marx)

COSA SI NASCONDE DIETRO LA PRIVATIZZAZIONE DI TOSCANA ENERGIA?

COSA SI NASCONDE DIETRO LA PRIVATIZZAZIONE DI TOSCANA ENERGIA?

Toscana energia si privatizza, parliamo della azienda fino ad oggi pubblica (con i comuni detentori di parte delle quote azionarie)  che gestisce le reti regionali di distribuzione del gas.

La distribuzione del gas metano rientra a tutti gli effetti tra i servizi che dovrebbero rimanere di proprietà pubblica perchè erogano un servizio indispensabile alla cittadinanza , servizio che non puo' essere oggetto di speculazioni.

Ma la vendita di azioni da parte di numerosi comuni, molti a guida Pd, nasconde una realtà piu' complessa, quella di enti locali desiderosi di fare cassa dopo anni di tagli ai finanziamenti statali da parte dei Governi amici.

La nostra solidarietà ai lavoratori in sciopero vuole richiamare l'attenzione anche sul ruolo degli enti locali dopo anni di austerità, enti locali che hanno abdicato, al pari dello Stato, ogni ruolo di indirizzo e di programmazione delle politiche economiche. La sudditanza al privato e alle privatizzazione, la spasmodica ricerca di partner privati in tutte le aziende pubbliche nasce dall'indebolimento del pubblico da parte di chi avrebbe dovuto difenderlo con il sopravvento degli appalti al ribasso, lo sfruttamento dei lavoratori e la gestione a fini solo di profitto dei beni pubblici.

Senza fare chiarezza non sarà possibile difendere i lavoratori e le lavoratrici e il servizio pubblico  nonché tariffe accessibili e servizi gestiti nell'interesse esclusivo dei cittadini.

SINDACATO GENERALE DI BASE

...
Continua a leggere
520 Visite
0 Commenti

SANITA’? EMERGENZA CONTINUA.

SANITA’? EMERGENZA CONTINUA.

Stanno arrivando le prime stabilizzazioni in sanità ma il loro numero è cosi' esiguo da sembrare una goccia nel mare. Veniamo da anni di gravi carenze organiche e i servizi sanitari complessivamente erogati al cittadino in continua diminuzione. Ma nella Pa esiste anche un altro problema: la bomba demografica che acuita dalla Riforma Fornero determina problemi ad oggi irrisolvibili. La Fornero ha ritardato l'età della pensione per migliaia di lavoratrici e lavoratori, la forza lavoro italiana è la piu' vecchia d'Europa nella Pubblica amministrazione, passati alcuni anni è arrivata per tanti l'età pensionabile e da qui a 5 anni avremo il 30% della forza lavoro in meno. Come si pensa di fronteggiare questa reale emergenza?

Le soluzioni ci sarebbero, basterebbe che il Governo e la Ministra Buongiorno avessero sufficiente coraggio e determinazione, dalla cancellazione di ogni blocco al turn over, alle assunzioni in 12 mesi di tutti i precari aprendo le porte ad un decreto per nuove stabilizzazioni, sospensione dei tetti di spesa almeno per un triennio, riscrittura delle norme contrattuali che limitano il salario accessorio.

Per esempio un intervento urgente sarebbe quello di rimuovere  la normativa che limita la spesa assunzionale fino al 2020 ad un rapporto invalicabile pari  all’1,4%  rispetto alla spesa del 2004. Se sistema sanitario è alla canna del gas, se la popolazione invecchia e necessita di assistenza, come sarà possibile imporre una regola di bilancio rigida e decisa dai fautori dell'austerità senza prima vagliarne le conseguenze sociali?

Tra pochi mesi scadrà il contratto appena siglato che poi arrivava dopo 9 anni di blocco, ebbene in quasi dieci anni di assenza contrattuale niente è stato fatto per incrementare realmente iul potere di acquisto rivendendo al contempo gli ordinamenti professionali, il sistema di classificazione e di accesso alle varie professioni. Sarà per questo motivo che iniziamo a esportare infermieri e Oss nel nord Europa salvo poi affidarsi a cooperative o interinali dove sottopagata ritroviamo la forza lavoro italiana e non. ecco uno dei paradossi del sistema sanitario tra poli di eccellenza, professori superpagati da una parte e ospedali al collasso e miserie contrattuali a macchia di leopardo lungo la penisola.

E nel frattempo alcune malattie che credevamo debellate sono tornate a manifestarsi (e la colpa non è tanto dei migranti ma della carenza di cure e prevenzione del sistema sanitario), la prevenzione è sempre meno diffusa, i tempi di attesa per una tac o una risonanza troppo lunghi specie quando servono a individuare una malattia intervenendo tempestivamente con adeguate cure.

Anche questo Governo sta sottovalutando l'emergenza sanità e a rimetterci saremo soltanto noi tutti\e.

...
Continua a leggere
338 Visite
0 Commenti

Il dibattito sull'uscita dall'euro si arricchisce di un competente contributo : Come si esce dall'euro.

Il dibattito sull'uscita dall'euro si arricchisce di un competente contributo	: Come si esce dall'euro.

Facendo seguito all'ampio e interessante dibattito che si è sviluppato a Pisa nei mesi  scorsi in merito alla possibilità e all'opportunità dell'uscita dalla moneta unica europea, abbiamo più volte evidenziato che se da un lato  la necessità si presenti sempre più realistica al cospetto dell'impossibilità di riforma delle sue regole di gestione, dall'altro  incertezze e mancanza di strategie praticabili a fino a questo momento, hanno reso il confronto privo di soluzioni condivise ed effettivamente attuabili senza provocare pesanti contraccolpi sociali ed economici.

...
Continua a leggere
41 Visite
0 Commenti

L'agenda Monti e l'agenda del capitalismo in crisi

L'agenda Monti e l'agenda del capitalismo in crisi

Con l'inizio dell'anno prende il via l'istituzionalizzazione delle politiche di espropriazione e di austerità prevista dal Fiscal Compact. Si tratta di politiche fatte proprie da tutte le principali forze partitiche, garantite anche dalla Carta d'Intenti firmata da PD e SEL. Questa realtà ci impone il definitivo abbandono di tutti quei terreni in cui siamo perdenti da sempre e ci spinge nella direzione della creazione di soggettività politiche autonome dai meccanismi di riproduzione del Capitale e dalle forme della politica dominante.

...
Continua a leggere
897 Visite
0 Commenti

Seguici su Facebook

Iscriviti al blog

x