"Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente." (K. Marx)

LA FORTEZZA EUROPA CONTRO GLI ULTIMI DEL MONDO.

LA FORTEZZA EUROPA CONTRO GLI ULTIMI DEL MONDO.

“Quello che succede ogni giorno non trovatelo normale. Di nulla sia detto: “è naturale” in questi tempi di sanguinoso smarrimento, ordinato disordine, pianificato arbitrio, disumana umanità, così che nulla valga come cosa immutabile” L’eccezione e la regola (Bertolt Brecht).

...
Continua a leggere
16 Visite
0 Commenti

3 luglio 69, FIAT: LA LOTTA CONTINUA!

3 luglio 69, FIAT: LA LOTTA CONTINUA!

La giornata del 3 luglio non è un episodio isolato o un'esplosione incontrollata di rivolta. Essa viene dopo cinquanta giorni di lotta che ha coinvolto un numero enorme di operai, ha bloccato completamente il ciclo produttivo, ha segnato il punto più alto di autonomia politica e organizzativa finora raggiunto dalle lotte operaie distruggendo ogni capacità di controllo sindacale.

...
Continua a leggere
110 Visite
0 Commenti

MURI, DANNATI DELLA TERRA E URGENZA DEL CONFLITTO.

MURI, DANNATI DELLA TERRA E URGENZA DEL CONFLITTO.

All’indomani dell’abbattimento del muro di Berlino, il “Muro” per eccellenza, veniva annunciata l’apertura di un’epoca di pieno dispiegamento delle libertà. Quel muro che divideva Berlino aveva anche il valore simbolico di separare il “bene” dal “male”. Era visibile, rassicurante. Al di qua del muro stava la “civiltà”, al di là del muro stava la “barbarie”.

...
Continua a leggere
276 Visite
0 Commenti

SOLIDARIETA’ AGLI OPERAI LICENZIATI DA FIAT POMIGLIANO. I LORO DIRITTI SONO DIRITTI DI TUTTI I LAVORATORI!

SOLIDARIETA’ AGLI OPERAI LICENZIATI DA FIAT POMIGLIANO. I LORO DIRITTI SONO DIRITTI DI TUTTI I LAVORATORI!

Dopo la chiusura per 6 mesi dello stabilimento di Pomigliano, nel 2007, la direzione Fiat istituisce un centro logistico a Nola. Qui, in linea con la tradizione del Gruppo dei “reparti confino”, esilia 316 lavoratori, scelti in gran parte fra gli operai più attivi sindacalmente. L’emarginazione, la cassa integrazione a zero ore, l’isolamento sono stati la causa principale di 3 suicidi e di diversi gesti di autolesionismo fra gli operai confinati a Nola. Il rapporto fra disperazione e suicidio e cassa integrazione ha trovato in passato una triste verifica con i 150 suicidi degli anni 80 fra i cassaintegrati Fiat. Il 20 maggio 2014, in seguito al suicidio dell’attivista Maria Baratto, alcuni operai hanno inscenato una protesta: un finto suicidio nel piazzale antistante lo stabilimento. In questa rappresentazione un fantoccio con l’immagine di Marchionne penzolava con una corda al collo e con un cartello che recitava: “mi ammazzo, perdonatemi per tutti quegli operai che si sono suicidati”. La Fiat individua come organizzatori del finto suicidio 5 operai e provvede a licenziarli. La motivazione è quella “dell’intollerabile incitamento alla violenza”, della “palese violazione dei più elementari doveri discendenti dal rapporto di lavoro”, del danno “morale all’azienda e al suo vertice societario”. Il ricorso dei 5 operai è stato respinto dal giudice del lavoro e dal tribunale del riesame sulla base di un presunto “obbligo di fedeltà” dei lavoratori nei confronti della propria azienda. Il comando dell’azienda in questo modo viene esteso (al di là delle stesse intenzioni degli articoli del Codice civile) al di fuori del luogo e del tempo di lavoro. I dipendenti vengono privati del diritto di critica e di drammatizzazione della propria condizione di sottomissione sempre più totale ai voleri e alle leggi del profitto aziendale. Un altro passo in direzione dell’asservimento completo delle nostre vite alle logiche di un sistema che avanza verso la barbarie.

...
Continua a leggere
1354 Visite
0 Commenti

PIAZZA STATUTO. TORINO, LUGLIO 1962.

PIAZZA STATUTO. TORINO, LUGLIO 1962.

Non c'è dubbio che ogni evento rappresenta per così dire, il “foro d'uscita” di un processo che è avvenuto al di sotto della superficie della società attraverso progressive accumulazioni e, come quei fenomeni tettonici di crisi, come i grandi terremoti, a un certo punto emerge alla superficie in forma di evento. Cioè, non c'è dubbio che ogni evento rappresenta, per certi versi, la spia di processi invisibili accumulatisi nel tempo e poi bruscamente emersi alla superficie. […]

...
Continua a leggere
922 Visite
0 Commenti

Seguici su Facebook

Iscriviti al blog

x