Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.lotta-continua.it/

Con… per… Tecniche di manipolazioni linguistiche ai tempi della pandemia

angelo

«Sappiamo bene che la realtà trasforma il linguaggio. Il linguaggio può trasformare la realtà.»

(A/traverso - 1976)

Con e per… due semplici preposizioni: ovvero quella parte invariabile di un discorso che crea un legame fra parole e frasi, specificando un rapporto reciproco e una funzione sintattica della parola, locuzione o frase che la segue.

«Abbiamo avuto 250 decessi, voglio sempre ricordare che sono persone decedute 'con' coronavirus e non 'per' il coronavirus, l'Iss sta facendo tutta una serie di indagini epidemiologiche e cliniche». Queste sono le parole di Angelo Borrelli commissario straordinario per l'emergenza coronavirus, nella conferenza stampa del 13/03/2020.

Nella nostra lingua esistono parole semplicissime e apparentemente innocue, come le congiunzioni e le preposizioni che possono stravolgere l’intero significato di una frase.

Mescolando l’ordine delle parole e delle congiunzioni, cambiando le preposizioni si possono ottenere miscele linguistiche esplosive.

Se sparo a una persona con una qualsiasi patologia, posso difendermi dicendo che quella è morta "con la mia pallottola" piuttosto che "per la mia pallottola"? Credo proprio di no.

Quindi se delle persone con patologie, che fino a ieri vivevano tranquillamente, ma dopo che hanno contratto il virus sono decedute, perché si dovrebbe dire che sono morte per quelle patologie? Forse per nascondere errori e omissioni? Scelte scellerate fatte precedentemente?

La forma vale più del contenuto. La collocazione delle parole è molto importante nella manipolazione linguistica. L’arma principale dell’attacco linguistico alla mente non è il contenuto, ma la forma, in primo luogo la posizione delle parole. Spesso ciò che ci persuade è invisibile; più è invisibile, maggiore è il suo potere di persuasione.

Goyaałé

Draghi è il problema non la soluzione
Stati Uniti: storie di ordinaria pandemia.

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 02 Giugno 2020

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema