Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.lotta-continua.it/

Quando la guerra non salva più il sistema (due articoli dal Messico)

guerra-striscione-b

Quando la guerra non salva più il sistema

Raul Zibechi

Da: La Jornada  6/5/2022 (Città del Messico)

Molti dati indicano che le grandi aziende del complesso militare-industriale stanno realizzando profitti succosi dall'inizio dell'invasione russa dell'Ucraina. Ma altri dati assicurano il contrario. Dicono che la crisi capitalista si stia aggravando: la minaccia di una recessione negli Stati Uniti, l'aumento dei prezzi nel mondo, o le difficoltà della Cina nel mantenere le catene di approvvigionamento globali, solo per citarne alcuni.

Possiamo essere d'accordo con William I. Robinson che le guerre hanno aiutato il capitalismo a superare le sue crisi e che hanno distolto l'attenzione dal deterioramento della legittimità del sistema ( https://bit.ly/3vDQjNV ).

Il suo concetto di accumulazione militarizzata, una fusione di accumulazione privata con la militarizzazione statale, è utile per comprendere i processi in corso ( https://bit.ly/3Fb5RMa ). Vede la repressione come necessaria per sostenere l'accumulazione di capitale in questo periodo di crescenti proteste sociali.

Tuttavia, è probabile che stiamo assistendo alla radicalizzazione delle élite globali, che sembrano disposte a provocare un genocidio di massa contro una parte della popolazione del pianeta, se credono che i loro interessi siano in pericolo. Infatti, la distruzione del pianeta continua ad avanzare, nonostante le dichiarazioni e gli accordi che pretendono di difendere l'ambiente.

Ogni volta che un modo per risolvere le situazioni va in crisi, le élite si intensificano verso un altro modello ancora più distruttivo. Poiché la guerra non è più sufficiente per assicurare l'accumulazione indefinita del capitale, viene utilizzata per un altro scopo: mantenere le classi dirigenti nel loro posto di privilegio quando il capitalismo si esaurisce.

Ritengo che le tesi di Robinson, di per sé interessanti, così come quelle di altri analisti, non tengano conto che non siamo di fronte a situazioni simili alle due guerre mondiali del XX secolo, o alla guerra fredda, ma piuttosto a nuove derive sistemiche. A rigor di termini, non si dovrebbe più parlare di repressione o di crisi, perché le mutazioni in atto vanno oltre questi concetti.

In primo luogo, perché l'Occidente non è mai stato sfidato da nazioni non europee, come la Cina, vittima del colonialismo e del razzismo che ancora persistono, e in che modo, nelle relazioni internazionali. Questo non vuol dire che le élite cinesi siano meno oppressive delle élite occidentali. O che siano una sorta di alternativa, dal momento che ragionano tutti allo stesso modo.

Non stiamo solo affrontando conflitti per la preminenza all'interno del capitalismo occidentale, come lo sono state le guerre precedenti. Ora il fattore razziale ha un peso determinante e, quindi, le élite occidentali non esitano – come hanno fatto in Iraq e Afghanistan – a distruggere intere nazioni, compresi i loro popoli.

Le invasioni sono misurate con parametri diversi in base agli interessi geopolitici e al colore della pelle delle vittime. Nello stesso momento in cui l'esercito russo sta invadendo l'Ucraina, l'esercito turco sta invadendo i territori curdi nel nord della Siria, ma i grandi media non gli danno la stessa importanza ( https://bit.ly/3P7PxAu ).

In secondo luogo, non dobbiamo ignorare la rivoluzione mondiale del 1968, poiché ci pone di fronte a realtà completamente diverse: i popoli si sono organizzati e sono in movimento. Questo è il fatto centrale, non tanto le crisi economiche e politiche. I popoli indigeni, neri e meticci dell'America Latina, i popoli oppressi del mondo, stanno ponendo limiti al capitale che considera insostenibili. Ecco perché attacca con paramilitari e trafficanti di droga.

La terza è una conseguenza delle prime due. Siamo di fronte a qualcosa che va oltre le crisi ed è molto più profondo: la decomposizione del mondo che conosciamo, una crisi della civiltà moderna, occidentale e capitalista, che è molto più della crisi del capitalismo inteso come mera economia.

In linea di massima, la situazione creatasi nel 1968 può risolversi con l'installazione di un nuovo sistema, meno diseguale di quello attuale, o con l'annientamento dei centri abitati. Credo che stiamo affrontando una minaccia senza precedenti perché le élite (di tutto il mondo) sentono che i popoli oppressi minacciano i loro interessi, come non si sentivano dal 1917.

Siamo in una transizione verso qualcosa a noi sconosciuto, che può essere drammatico, ma che è più in forma di decomposizione che di transito ordinato. Come diceva Immanuel Wallerstein: da transizioni controllate sono nate nuove oppressioni. Ecco perché bisogna perdere la paura del crollo dell'attuale sistema, che può essere anarchico, ma non necessariamente disastroso *.

Il problema è che non abbiamo strategie per affrontare questo periodo. Con la notevole eccezione dello zapatismo, non abbiamo costruito conoscenze e modi di fare per resistere in società militarizzate, in cui i vertici scommettono sulla violenza genocida per continuare a dominare. Non è facile, ma dovremmo lavorarci o rassegnarci a essere l'oggetto dei potenti.

* In Marx e il sottosviluppo.

 

L'Ucraina, l'economia di guerra mondiale e la crisi del capitalismo

William I. Robinson*

Da: La Jornada 2/5/2022 (Città del Messico)

L' invasione russa dell'Ucraina ha acceso un acceso dibattito politico sulle conseguenze geopolitiche del conflitto. Meno notato, il conflitto ucraino ha aperto la strada a una più ampia militarizzazione di quella che era già un'economia di guerra globale quando il capitalismo globale è in profonda crisi politica ed economica.

L'amministrazione Biden ha annunciato a marzo un aumento di 31 miliardi di dollari nel budget del Pentagono, rispetto a uno stanziamento approvato settimane prima di 14 miliardi di dollari per la difesa dell'Ucraina. Nel 2021, Washington ha approvato un budget militare di quasi 800 miliardi di dollari anche se quell'anno poneva fine alla guerra in Afghanistan. Dopo l'invasione russa, gli Stati Uniti, l'Unione Europea e altri governi hanno stanziato miliardi in più per le spese militari e hanno inviato armi e appaltatori militari privati ​​in Ucraina. Le azioni di società militari e di sicurezza sono aumentate vertiginosamente dopo l'invasione: Raytheon (8%), General Dynamics (12), Lockheed Martin (18), Northrop Grumman (22). Le azioni delle imprese militari in Europa,

L'invasione russa – brutale, sconsiderata e riprovevole – ha acceso il dibattito sul ruolo svolto dall'espansione della NATO in Ucraina nel motivare il Cremlino. I funzionari statunitensi erano consapevoli che una tale espansione avrebbe spinto Mosca in un conflitto militare, come ha affermato un recente rapporto della RAND Corporation, un consulente del Pentagono. Le misure che proponiamo sono concepite come parte di una campagna per sbilanciare l'avversario, facendo sì che la Russia si espanda militarmente ed economicamente.

L'accumulazione militarizzata - guerre senza fine, potenziali conflitti, disordini civili e politici e azioni di polizia - gioca un ruolo centrale nell'economia politica globale, che fa affidamento su di essi per sostenere l'accumulazione di capitale di fronte alla stagnazione cronica e alla saturazione dei mercati globali. Questi processi comprendono una fusione dell'accumulazione privata con la militarizzazione dello stato per sostenere il processo di accumulazione del capitale.

I cicli di distruzione e ricostruzione forniscono sbocchi costanti al capitale sovraaccumulato, aprendo possibilità di reinvestimento del denaro accumulato dai capitalisti transnazionali. Le guerre forniscono importanti stimoli economici. Storicamente hanno tirato fuori il sistema capitalista dalle crisi poiché servono a distogliere l'attenzione dalle tensioni politiche e dai problemi di legittimità. È stata la Seconda guerra mondiale che ha finalmente portato il capitalismo globale fuori dalla Grande Depressione. la guerra fredda legittimati 50 anni di aumento del budget militare. Le guerre in Iraq e Afghanistan, le più lunghe della storia moderna, hanno contribuito a mantenere a galla l'economia dalla stagnazione cronica nei primi due decenni del secolo in corso. Dal fervore anticomunista della guerra fredda, alla guerra al terrore, seguita dalla cosiddetta nuova guerra fredda, e ora l'invasione russa dell'Ucraina, l'élite transnazionale, guidata da Washington, ha dovuto evocare un nemico dopo l'altro per legittimare l'accumulo militarizzato e distogliere l'attenzione dalle tensioni interne verso i nemici esterni e le minacce artificiali.

L'11 settembre 2001 ha segnato l'inizio di un'era di guerra globale permanente in cui la logistica, la guerra, l'intelligence, la repressione e il monitoraggio – anche il personale militare – sono sempre più nel dominio privatizzato del capitale transnazionale. La spesa militare statale in tutto il mondo è cresciuta di oltre il 50 per cento dal 2001 ad oggi, mentre i profitti del complesso militare-industriale sono quadruplicati. Le compagnie militari a scopo di lucro danno lavoro a circa 15 milioni di persone in tutto il mondo, mentre altri 20 milioni lavorano nella sicurezza privata. L'importo speso per la sicurezza privata nel 2003, l'anno dell'invasione dell'Iraq, è stato del 73% superiore all'importo speso nel settore pubblico.

Questi soldati e poliziotti corporativi furono schierati a guardia delle proprietà corporative; fornire sicurezza personale ai dirigenti e alle loro famiglie; monitorare, spiare e raccogliere dati; svolgere operazioni di polizia, paramilitari, controinsurrezionali e di localizzazione; controllo della folla, attività antisommossa e repressione dei manifestanti; gestire le prigioni e partecipare alla guerra. Queste aziende militari private si stanno riversando in Ucraina. Alcune aziende mercenarie offrono da $ 1.000 a $ 2.000 al giorno per coloro che hanno esperienza di combattimento.

La crisi del capitalismo globale è economica, di stagnazione cronica, e anche politica, della legittimità degli stati e dell'egemonia capitalista. Miliardi di persone in tutto il mondo affrontano lotte incerte per la sopravvivenza e mettono in discussione un sistema che non considerano più legittimo. Gli attriti internazionali crescono man mano che gli stati, nel loro sforzo di preservare la legittimità, cercano di sublimare le tensioni politiche e prevenire il crollo dell'ordine sociale. Gli scioperi di massa e le proteste sono proliferati in tutto il mondo. Guerre e nemici esterni consentono ai gruppi dominanti - nella loro ricerca di mantenere il dominio - di distogliere l'attenzione dalle tensioni politiche e dai problemi di legittimità.

Negli Stati Uniti, la lotta di classe si sta intensificando, con un'ondata di scioperi e iniziative sindacali ad Amazon, Starbucks e altri settori della gig economy. L'attuale spirale inflazionistica e l'escalation delle lotte di classe nel mondo sottolineano l'incapacità dei gruppi dominanti di contenere la crisi crescente. La spinta dello stato capitalista a esternare le ripercussioni politiche della crisi aumenta il pericolo che le tensioni internazionali e i conflitti locali, come in Ucraina, portino a conflagrazioni internazionali più ampie con conseguenze imprevedibili.

*Professore di sociologia. Università della California a Santa Barbara

 

 

 

 

Il lungo secolo dell'imperialismo Usa. Incontro Bi...
Le previsioni economiche tendono al brutto

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Sabato, 10 Dicembre 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema