Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

Rivolte al tempo del Coronavirus

carceri-milano-san-vittore-rivolta-ansa
La storia è importante perchè insegna, anche se a volte come diceva Gramsci, purtroppo non ci sono scolari.Questo ci pare sia una lezione su quanto è avvenuto in molte carceri italiane il 9 marzo 2020.Nella storia del nostro paese lotte nelle carceri, più o meno pacifiche, ci sono state ed hanno anche avuto un ruolo importantissimo per denunciare, modificare lo stato delle prigioni che mostravano i segni del medio evo: buglioli, topi che si aggiravano per la cella sia di giorno che di notte, niente fornelli per cucinare o semplicemente per fare il caffè, cessi accanto dove si mangiava.I pestaggi erano la...
Continua a leggere
  465 Visite
  0 Commenti

Coronavirus: negli Stati Uniti i carcerati produrrano igienizzanti per mani senza poterli utilizzare.

carcere
 Mentre le carceri italiane sono in rivolta, con dodici detenuti uccisi, negli Stati Uniti hanno pensato ad un utilizzo alternativo per i prigionieri: produrranno igienizzanti per lo Stato senza poterli utilizzare.A New York, nonostante l’epidemia di Covid 19 sia ancora agli inizi, gli igienizzanti per le mani (come l’Amuchina) sono già introvabili in negozi, farmacie e online. Per ovviare a questo problema e disincentivarne la vendita sottobanco a prezzi gonfiati, il governatore Cuomo ha deciso di commissionarne la produzione a una controllata statale (Corcraft) in grado di produrne fino a 100,000 galloni al giorno. “I nostri prodotti sono più convenienti rispetto...
Continua a leggere
  438 Visite
  0 Commenti

Carceri in Italia: la miccia nell’abbandono delle persone senza prospettive e futuro

cerceri-2
Milano, Palermo, Foggia, Modena, Napoli, Roma, Rieti, Prato, e poi Ferrara, Bergamo, Genova, Alessandria, Verona, Pavia sono alcune delle tappe in cui si è manifestata la realtà nelle carceri italiane.Il Coronavirus, la sospensione dei colloqui, sono solo quello che si vuole far apparire per non parlare della realtà, di strati di persone che vivono all’esterno del carcere con la necessità di sopravvivere con piccoli furti, piccolo spaccio, piccole situazioni in cui l’arte di arrangiarsi è l’unica rimasta, appunto per sopravvivere.Piaccia o meno di questo si tratta, di questo bisogna prendere atto se si vuole capire cosa è successo l’altro giorno, per...
Continua a leggere
  325 Visite
  0 Commenti

Coronavirus o Coronadigos?

DESERTO
L’incredibile sproporzione tra il problema che si sta affrontando -la scoperta e la diffusione del Coronavirus- e le misure intraprese -lo stato d’eccezione applicato in alcune regioni e tendenzialmente all’intero Paese- rivela qualcosa di molto profondo sulle dinamiche sociali e di potere che stanno attraversando una società come quella italiana, sfinita da tre decenni di cultura politica neoliberale, che, oltre a peggiorarne pesantemente le condizioni di vita, ne ha polverizzato ogni legame sociale.E, sebbene questa situazione presenti anche paradossi disvelanti -il virus è arrivato via aereo con la cravatta dell’uomo d’affari, non via mare con gli abiti sdruciti del migrante- e...
Continua a leggere
  752 Visite
  0 Commenti

Al liceo Galilei di Pisa gli studenti denunciano le offese ricevute dagli insegnanti

galilei-pisa
La notizia apparsa sulla stampa locale è stata ripresa anche dai media nazionali, parliamo di una pubblica denuncia degli studenti del liceo classico Galilei di Pisa contro i loro stessi docentiLa notizia, al fine di far comprendere quanto stiamo per scrivere, è consultabile anche on line al seguente link: http://www.pisatoday.it/cronaca/insulti-studenti-professori-liceo-galilei-pisa.htmlI fatti saranno appurati dagli ispettori ministeriali, l'uso del condizionale è d'obbligo ma bisogna rendere omaggio al coraggio di questi studenti che hanno denunciato alcune situazioni da loro vissute.La parola degli studenti contro quella degli insegnanti?Il liceo classico è da sempre una scuola elitaria, frequentata per lo più dai figli delle classi...
Continua a leggere
  492 Visite
  0 Commenti

E quali sarebbero gli effetti positivi dei decreti sicurezza?

decreto_sicurezza
"Non vanifichiamo gli effetti positivi dei decreti sicurezza", la frase viene attribuita dalla stampa odierna al Movimento 5 Stelle in merito alla discussione in seno al Governo sulle modifiche da portare ai decreti sicurezza. Si parla ormai di semplice modifica e non di cancellazione dei decreti, questione non solo di natura lessicale ma contenutistica perché i decreti della vergogna (così ribattezzati da molti) andrebbero cancellati in toto. La discussione è ancora in corso e gli esiti sono tutt'altro che scontati, la nostra impressione è che si muoverà solo nel solco delineato dal Presidente della Repubblica ripristinando le precedenti condizioni per il...
Continua a leggere
  401 Visite
  0 Commenti

Occhio agli sfogatoi: l'uso disinvolto dei social e di internet può costare il licenziamento

sorve
L’uso dei social media, di WhatsApp o Telegram può anche determinare il licenziamento. Non è da ora che i datori di lavori, specie quelli più grandi, spiano per la rete i loro dipendenti, lo fanno magari in termini legali per conoscere le opinioni diffuse e le iniziative intraprese, individuare toni eccessivi e alla occorrenza punirli con i codici di comportamento fino al licenziamento. È bene ricordarlo a noi stessi e ai lavoratori, attenzione ai commenti espressi sui sociali perché il grande fratello dei padroni è in agguato, legge e trascrive per poi colpire. E non parliamo dell'uso dei social in orario...
Continua a leggere
  757 Visite
  0 Commenti

Produci, consuma, crepa! Contro la deriva autoritaria del “pacchetto sicurezza”, ma non solo.

no-pacch

Il 9 Novembre si terrà una manifestazione nazionale per la soppressione (o ritiro a seconda delle sensibilità politiche e culturali) del Pacchetto sicurezza.Il lancio della manifestazione ha incontrato alcune difficoltà oggettive, il proliferare di iniziative (tutte poco partecipate a dire il vero) sui singoli punti e l'incapacità di costruire una iniziativa nazionale su più argomenti è lo specchio della frammentazione oggi esistente.Ma la manifestazione del giorno 9\11 è utile per denunciare la deriva autoritaria connessa al Pacchetto sicurezza 1 e 2, alle pene costruite contro i reati di piazza dei quali si parla ben poco nel paese e nei luoghi di lavoro,...
Continua a leggere
  1007 Visite
  0 Commenti

Repressioni, sanzioni disciplinari e comuni storie di libero arbitrio

basta

Due giovani attivisti di Fridays For future di Padova sono stati denunciati per una pacifica dimostrazione in un negozio della Catena Zara, su di loro anche il bollino di pericolosità sociale. Ora vi chiederete cosa abbiano fatto di così grave questi militanti ambientalisti per essere non solo denunciati ma ritenuti socialmente pericolosi dalla Questura della città veneta, ebbene non c'è risposta alcunaQueste, e molte altre, sono le conseguenze dei meccanismi repressivi determinati anche dai pacchetti Sicurezza, ne sanno qualcosa operai e facchini che negli ultimi mesi hanno bloccato i cancelli delle loro aziende dopo essere stati sospesi o licenziati dall'oggi al...
Continua a leggere
  712 Visite
  0 Commenti

Lettera testamento dell'anarchico Willem Van Spronse

ana
Pubblichiamo la lettera - testamento di Willem Van Spronsen, compagno anarchico ucciso sabato scorso durante un assalto al centro di detenzione per migranti di Tacoma, in Usa. L’attacco e’ avvenuto in occasione di un fine settimana di rastrellanti pubblicamente annunciati dal presidente Trump. Ucciso nel corso dell’azione, Van Spronsen aveva comunque lasciato alcune pagine redatte al computer in cui spiegava il gesto e lo inquadrava in una prassi politica di lotta rivoluzionaria. Abbiamo tradotto il documento cercando di rimanere il piu’ fedeli possibile all’originale, anche a costo di una minore leggeibilita’, conservandone l’impaginazione. Esiste il bene e male.E’ tempo di agire...
Continua a leggere
  1314 Visite
  0 Commenti

Il nostro sostegno alla docente di Palermo. Va riammessa subito al lavoro!

sorvegl
Non vogliamo limitarci ad esprimere Solidarietà alla docente di Palermo, Rosa Maria Dell’Aria, sospesa per 15 giorni per «omessa vigilanza» sugli studenti a causa di un video da loro realizzato in occasione della “Giornata della Memoria”, video che accostava le Leggi razziali del 1938 al Pacchetto sicurezza del Ministro Salvini.La solidarietà non basta perché siamo davanti a fatti inauditi come i licenziamenti di lavoratori condannati per reati legati a manifestazioni politiche o a licenziamenti decisi per atti moralmente discutibili (quali??) o per non avere comunicato il domicilio in caso di malattia (basterebbe solo detrarre dalla busta paga i giorni di malattia). La...
Continua a leggere
  1061 Visite
  0 Commenti

Pisa: proibito sfilare!

canapisa-1-3
La Lega e la coalizione di destra che sostiene il Sindaco Conti l’avevano giurata già in campagna elettorale: niente moschea e stop a CanaPisa. A distanza di quasi 1 anno dall’insediamento della Giunta, la costruzione della moschea è stata impedita con una querelle che avrà sicuramente strascico giudiziario, ora è la volta della Street Parade. Nella giornata del 15 ci sono stati incontri con i vertici della Prefettura e della Questura di Pisa ma a tarda serata la notizia diffusa è stata quella di ribadire il no al corteo (autorizzando il solo presidio) deciso alla unanimità dal coordinamento cittadino per l'ordine pubblico...
Continua a leggere
  1261 Visite
  0 Commenti

I super poteri ai Prefetti

poliz
Dal Ministro degli interni Salvini ai Prefetti, dai Prefetti ai Sindaci, ecco la filiera della sicurezza che andrebbe definita in altri termini: crociata contro gli ultimi.Parliamo della direttiva Ministeriale di metà aprile, a poche settimane di distanza fatta propria dalle autorità provinciali di pubblica sicurezza nel contrasto del cosiddetto degrado urbano.Scatta l’azione dei prefetti contro quelli che vengono comunemente definitivi, non senza disprezzo, abusivi, spacciatori e balordi. Tra gli abusivi si trovano numerosi lavoratori che vendono per pochi euro al giorno la loro merce, magari contraffatta, ma pur sempre un lavoro. Al contrario, la nozione di abusivo tende a equiparare lavoratori...
Continua a leggere
  1221 Visite
  0 Commenti

2 Aprile atto primo: inizia il processo dell'operazione Robin Hood

giamb
Che il 13 dicembre all'alba quasi 200 carabinieri, corredati di elicottero, hanno militarizzato un quartiere popolare per arrestare dei componenti del Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio è ormai storia nota. Come nota è stata la serrata sequenza repressiva che ha colpito nord e sud Italia in poco più di un mese, attaccando i volti diversi di una stessa realtà: quella che si oppone ad ogni forma di abuso e di imposizione di diseguaglianza. Passata la sventolata stampa degna dell'arresto del capo dei narcos, sciorinando con inesattezze e titoloni i dettagli della vita di nove persone tra ragazze, ragazzi, una mamma e un...
Continua a leggere
  1387 Visite
  0 Commenti

Il controllo del lavoratore

jobsact_3
Quando il controllo sui lavoratori diventa sempre più asfissiante* Il grande fratello non è una trasmissione televisiva ma realtà, dallo Statuto dei lavoratori del 1970 sono trascorsi quasi 50 anni, i controlli sui lavoratori sono diventati sempre più pressanti e invasivi, l'apporto della tecnologia li ha trasformati in strumenti con cui incutere paura e rassegnazione, soprattutto nell'era dei licenziamenti illegittimi senza obbligo di riassunzione. Badge sostituito dalle impronte digitali per accertare le presenze, smartphone attraverso cui tracciare, minuto dopo minuto, la presenza e la esatta posizione del dipendente, algoritmi utilizzati allo scopo di ridurre i tempi morti e intensificare lo sfruttamento. Con...
Continua a leggere
  1400 Visite
  0 Commenti

Mobilitazione dei detenuti: storia di uno sciopero vittorioso

Prison-02.2019-sit_20190214-024623_1
Riceviamo e pubblichiamo da Pacific StandardSul finire dello scorso anno, i detenuti di un istituto penitenziario di massima sicurezza fuori Minneapolis hanno partecipato ad uno sciopero durato una settimana per protestare contro penalizzanti cambiamenti amministrativi, ottenendo l’accoglimento delle propria richieste.Dal 30 novembre al 4 dicembre, più di trecento dei mille detenuti maschi, presso l’istituto penitenziario “Rush City”, hanno scioperato contro una proposta di cambiamento della distribuzione della mensa. La mensa, attraverso cui i detenuti acquistano ogni tipo di merce necessaria, dal cibo ai medicinali fino all’elettronica, ha da sempre smistato gli ordini in una settimana, ma a seguito di un cambiamento...
Continua a leggere
  1489 Visite
  0 Commenti

Daspo e degrado urbano: da Minniti a Salvini la lotta contro gli ultimi continua

1-1-a-ruspa-salvini---collegamento
 Ora è la volta dei parcheggiatori e dei venditori abusivi, gli ultimi (al momento) ad essere colpiti dalla deriva securitaria partita da Minniti e oggi incarnata dal Ministro Salvini. Chi sono i parcheggiatori e i venditori abusivi dei nostri giorni? Prevalentemente migranti. Attenzione a non lasciarsi ingannare, correva la primavera 2017 quando nel decreto dell'allora ministro degli Interni Minniti veniva previsto l' allontanamento di 48 ore per queste pericolosissime figure che turbano i sonni dei politici perché, si sa, la nostra sicurezza viene messa in serio pericolo da venditori di accendini e da quanti affollano i parcheggi provando a vendere accendini e fazzoletti...
Continua a leggere
  1308 Visite
  0 Commenti

Lettera di un Gilet Jaune italiano a tutti i gilets Jaunes di Francia. Il governo italiano sostiene la nostra lotta?

gilet-jaunes-paris-fb-704x400
Cari gilets jaunes, cari compagni di lotta.Sono un lavoratore italiano cha vive in Francia da qualche anno e che ha partecipato al movimento dei gilets jaunes dall’inizio. Vivo in Francia perché, come numerosi altri lavoratori del sud Europa, italiani, spagnoli, greci, portoghesi, sono emigrato a causa delle politiche di austerità. Nel mio Paese, le politiche neoliberali e le restrizioni al bilancio sono arrivate ben prima che in Francia, subito dopo la crisi del 2008. Questi politici, come voi sapete, non hanno prodotto altro che maggior disoccupazione, maggior precarietà e maggiori privatizzazioni dei servizi pubblici: degli ospedali, delle scuole, delle università. Il...
Continua a leggere
  3135 Visite
  0 Commenti

Scuole occupate: perché bisogna stare dalla parte degli studenti

solidariet_studenti_pisa-2
La legge 297 \94 assegna le competenze in materia di edilizia scolastica e nello specifico: il comune si occupa degli edifici dove sorgono scuole comunali, scuole  materne, elementari e medie, le ex province  esercitano in materia di edilizia scolastica i compiti  connessi alla istruzione secondaria superiore e alla formazione professionale senza dimenticare che la materia dell'edilizia scolastica nella scuola elementare e media comprende  anche le spese per l'arredamento e per le attrezzature.In questi anni si sono sottratti sempre più fondi agli enti locali (Regioni, province e Comuni), soldi anche sottratti all'edilizia scolastica con edifici spesso fatiscenti, insicuri, senza aule e laboratori...
Continua a leggere
  1352 Visite
  0 Commenti

Quando il primato della privacy lede i diritti dei lavoratori e delle lavoratrici

bio4
L’uso dei dati biometrici come strumenti di accesso all’azienda non richiede un accordo sindacale ma richiede una valutazione di impatto privacy. Il monitoraggio dei costi dei telefoni aziendali richiede sia l’accordo, sia la valutazione di impatto.Sono solo due delle situazioni pratiche nelle quali può trovarsi il datore di lavoro: l’uso di strumenti informatici che possano comportare un controllo a distanza dell’attività lavorativa deve rispettare i paletti dettati dallo Statuto dei lavoratori (come modificato nel 2015) e dal Regolamento Ue sulla privacy, in vigore dal 25 maggio scorso. A sette mesi dall’entrata in vigore della nuova disciplina europea, sono molteplici i provvedimenti...
Continua a leggere
  1412 Visite
  0 Commenti

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Designed with by jakubskowronski.com
Sghing - Messaggio di sistema