Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

Whirlpool: storia di un disastro annunciato

whirlpool-stabilimento-napoli-prs

Whirlpool: storia di una dismissione annunciata. Intervista a Gianni Bassani, delegato Rsu del Cobas a cura di Federico Giusti

D Storia di un disastro annunciato? Siamo agli atti finali della desertificazione industriale?

R.
Si deve capire i processi che hanno determinato la vendita e/o chiusura dello storico stabilimento di Napoli.
Whirlpool Corporation è un colosso mondiale nel campo degli elettrodomestici con sede negli Stati Uniti, la proprietà si basa su un azionariato diffuso nel quale da padrone la fanno alcuni fondi previdenziali Usa.
Nel 2017 Whirlpool Corporation aveva un fatturato di 21.25 miliardi di dollari con un utile netto di 350 milioni di dollari e 92.000 dipendenti, una azienda in salute organizzata attraverso macroregioni continentali (Europa, Asia e Africa)
Whirlpool Emea risulta in perdita da oltre 10 anni, fattura nel 2017, 5 miliardi di dollari 24.000 dipendenti e 15 stabilimenti in 8 paesi diversi.In Italia EMEA, nel 2017, ha prodotto oltre 6 milioni di pezzi in sei stabilimenti che impiegano una forza lavoro di circa 6000 unità.
Whirlpool Emea è in perdita da anni, ha acquistato INDESIT 4 anni or sono al costo di 10 miliardi di dollari, nonostante ciò il passivo è accresciuto e venuto meno l'obiettivo di diventare il più primo produttore di elettrodomestici nel mondo

D.Quindi parli di una azienda la cui reddittività è in forte calo?

R. Per esempio, sempre per recuperare profitti, hanno chiuso nel 2013 lo stabilimento di Trento con 500 addetti e 300 nell' indotto, 2 stabilimenti in Germania, uno in Svezia ed uno in Francia.
Nel 2015 anno dell'acquisizione INDESIT, Whirlpool EMEA presenta un piano che prevedeva la dismissione degli impianti ex INDESIT di Carinano e di Teverola in provincia di Caserta e del centro logistico di None in Piemonte.
Dopo durissime lotte dei lavoratori e con la forte mediazione del Ministero si arriva alla firma di un accordo che prevedeva l'assunzione dei lavoratori di None da parte di un imprenditore della logistica presente in zona, la riconversione e la vendita a terzi del sito di Teverola, la riconversione per Carinano da sito produttivo a centro per la logistica dei pezzi di ricambio per tutto il gruppo.
Whirlpool parlò di rilanciare l'intero Gruppo trasferendo volumi produttivi dall' estero in Italia, marketing e la promessa di nuovi prodotti da lanciare sul mercato.
Per gli esuberi, circa 1350 (poi in realtà 2060) il piano prevedeva prepensionamenti, incentivi all' esodo e l'assorbimento di quote di lavoratori in particolare nello stabilimento di Napoli e Cassinetta (VA)
Il ministero e le regioni interessate si impegnavano ad erogare ammortizzatori sociali e sovvenzioni di vario tipo e Whirlpool EMEA metteva sul piatto 500 milioni di euro.

D. Ma poi questo piano non è mai decollato?

R. Errori strategici di Whirlpool EMEA, stabilimenti italiani in piedi solo grazie agli ammortizzatori sociali e agli aiuti statali alle imprese collegate e così si arriva alla fine del 2018 e alla scadenza del piano del 2015 , nasce così un nuovo accordo che ricalcava in gran parte il piano del 2015 , riconfermati gli ammortizzatori sociali e sovvenzioni da parte delle istituzioni e Whirlpool EMEA a promettere ancora l'immediato trasferimento di volumi dall' estero in Italia con l''investimento  di 250 milioni di Euro.
Secondo loro signori, gli incentivi all' esodo, fino a 65.000 euro nella prima fase, avrebbero contribuito grandemente ad azzerare tutti gli esuberi degli stabilimenti Italiani., esuberi zero nel 2021 annunciò l'allora ministro Di Maio e troppi gli credettero.

D. E oggi?

R. Dopo circa 7 mesi dalla firma al MISE Whirlpool annuncia in maniera brutale la dismissione e la vendita dello stabilimento di Napoli a terzi.
La proprietà americana, la Corporation, pare abbia chiesto ai dirigenti EMEA un ulteriore sforzo, un "piano di rientro" che prevederebbe nelle prospettive della multinazionale un azzeramento delle consuete perdite nel giro di pochi anni.
Per l'azienda, lo stabilimento di Napoli, che produce lavatrici di alta gamma, subirebbe da anni una contrazione del mercato dovuta alla concorrenza interna di altri siti produttivi del gruppo (soprattutto esteri), Ma non si spiega come uno stabilimento di eccellenza sia arrivato a perdere 20 milioni di euro all' anno nonostante investimenti per il sito pari a 70 milioni.
Anche la strategia sindacale non è stata adeguata a fronteggiare questa situazione, siamo stati tenuti in scacco, come il Governo, dalle promesse aziendali nonostante la debolezza del piano di risanamento proposto
I lavoratori chiedono alla Whirlpool di rispettare gli accordi siglati al Ministero, il Governo non può che essere dello stesso avviso visti i soldi spesi per gli ammortizzatori sociali ma purtroppo le leggi Comunitarie salvaguardano più l'impresa dei lavoratori. I lavoratori sono allo stremo dopo mesi di tira e molla, sarebbe indispensabile approvare un sistema di leggi nazionali miranti al controllo delle multinazionali per non trovarsi in balia delle loro decisioni e in caso di necessità, e senza indugio, procedere verso la nazionalizzazione e al rilancio dei siti produttivi impegnando quelle stesse risorse che fino ad ora vengono elargite alle imprese. Sono oltre 150 le vertenze al MISE, andrebbero trasformate in un unico piano nazionale di salvaguardia e promozione del lavoro con la compartecipazione o la diretta proprietà dello stato dei siti produttivi. C' è chi ha detto che la vertenza Whirlpool è diventata un simbolo nella partita delle relazioni industriali nel nostro paese, non si può che essere dello stesso avviso, ma se vogliamo essere veramente incisivi bisogna aprire nel nostro paese un dibattito serio ed onesto tra tutte le realtà sindacali e sociali per cambiare questo stato di cose che genera solo miseria e violenza.

ottobre 17, 2019

 

Il ridicolo antifascismo della toponomastica
La Comune di Quito: dentro l’insurrezione in Ecuad...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Mercoledì, 20 Novembre 2019

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Joomla Extensions
Sghing - Messaggio di sistema