Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.lotta-continua.it/

Socializzare le perdite e privatizzare i profitti: Confindustria e il PNRR

Bonomi_sostiene_Draghi

“Dopo lo spettro di un pericoloso ritorno al pubblico, sarà fondamentale stimolare interventi privati per una crescita solida” Carlo Bonomi Presidente di Confindustria

Si capisce bene la ragione per la quale i settori padronali volevano riscrivere il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e hanno sostenuto il Governo Draghi, le parole pesano come macigni e l'obiettivo è quello di favorire i settori privati scaricando sul pubblico i costi economici degli investimenti.

Ora si punta sulle cosiddette semplificazioni per avere i primi 24,9 miliardi entro il mese di luglio visto che il Consiglio Europeo entro il prossimo mese dovrebbe approvare definitivamente il piano.

Bonomi chiede di spendere i soldi del Recovery in maniera responsabile ossia favorire i progetti confindustriali, lo stato investe e i privati incassano.  Per Bonomi serve "stimolare interventi privati.... senza un coinvolgimento delle imprese non ci potrà essere una stabile e solida crescita economica e sociale"

Si punta all'aumento del Pil senza guardare alle ricadute occupazionali e sociali del Pnrr, la ampia visione auspicata dai padroni è in realtà alquanto ristretta perché mira ad accrescere il fatturato dei privati senza una effettiva direzione del pubblico, si invoca più mercato sapendo che i costi sociali ricadranno sulle classi sociali meno abbienti e sulle cosiddette transizioni andremo verso ipotesi alquanto discutibili visto che l'aut aut confindustriale è quello di non ridurre le produzioni anche laddove siano con impatti ambientali elevati.

Redazione pisana di Lotta Continua Da: https://delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com

 

Nelle mani di Confindustria: l'accordo sindacati e...
Il Bibliotecario delle Brigate Rosse - Recensione

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Giovedì, 23 Settembre 2021

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema