Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.lotta-continua.it/

Il dibattito padronale sul salario minimo

salario-minimo

Il dibattito padronale sul salario minimo

L’Italia, a detta di alcuni analisti, non sarebbe un paese capace di affrontare il salario minimo e dinamiche contrattuali con paghe orarie sotto le quali non scendere mai.  Non si dice la causa di questa presunta incapacità né si riportano dati oggettivi che possano portare a una simile conclusione, l'atavica paura padronale non fa dormire sonni tranquilli alle associazioni datoriali.

In teoria ci sarebbe l'articolo 36 della Costituzione a parlare di retribuzione adeguata e dignitosa ma gran parte dei contratti nazionali, anche quelli siglati dai sindacati rappresentativi, prevedono una paga oraria inferiore a un ipotetico salario minimo. Classico esempio di come i principi Costituzionali siano stati vanificati dalle normative vigenti.

Di cosa stiamo parlando allora?

Innanzitutto della atavica paura dei padroni e dei sindacati di vedersi scavalcati o vincolati da un salario minimo universale. 

Salari contrattuali più alti porterebbero vari benefici, al potere di acquisto delle famiglie, ai consumi e alla stessa domanda ma al contempo rappresenterebbero una crescita della spesa di personale a carico delle imprese. A nostro avviso gli imprenditori non sarebbero in linea di principio contrari al salario minimo se a pagarlo fosse lo Stato magari favorendo la sostituzione di personale vicino alla pensione con neo assunti inquadrati in livelli decisamente più bassi. Basterebbe qualche legge e stanziamenti statali ad hoc e i padroni si ritroverebbero con una forza lavoro più giovane e meno retribuita. Invece di ripartire i proventi della tassazione a favore del welfare e della collettività la suggestione è quella di far tornare nelle tasche dei padroni parte dei soldi, un po' come quando in pieno covid chiedevano di ricevere dei finanziamenti diretti invece di ampliare gli ammortizzatori sociali.

La crescita del costo del lavoro potrebbe essere affrontata in vari modi ma in Italia siamo abituati a delocalizzare le produzioni cercando in patria di abbassare salari e tutele collettive.  Poi si vorrebbe far dipendere la dinamica contrattuale dai profitti aziendali, dall’andamento della economia di settore o in base all'area industriale ove la produzione è collocata, stabilire una quota crescente di salario collegata ai risultati, la cosiddetta produttività, la partita del salario minimo si gioca su innumerevoli tavoli e alla fine i risultati potrebbero avere contropartite tali da vanificare buona parte dei risultati ottenuti. 

Da qui alle gabbie salariali il passo sarebbe breve così come dalla introduzione di meccanismi tali da vincolare la dinamica salariale al margine di profitto padronale. 

Ben venga il salario minimo ma attenzione alle contropartite!

Redazione pisana di Lotta Continua

Da: https://delegati-lavoratori-indipendenti-pisa.blogspot.com

 

Che fine ha fatto la crisi climatica?
Confindustria e la guerra

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Venerdì, 01 Luglio 2022

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema