Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.lotta-continua.it/

Lavori a rilento e infiltrazioni d’acqua nelle case popolari

Case-popolari-4

Continuano i disagi per gli abitanti delle case popolari di Pisa. Dopo i crolli segnalati nelle scorse settimane (leggi qui), i lavori di messa in sicurezza proseguono a rilento.

A Gagno, in via Piavola a Buti, gli inquilini lamentano che dopo l’intervento di vigili del fuoco, l’Apes si sia limitata a montare un’impalcatura per mettere in sicurezza l’area senza aver mai iniziato i lavori. Trattandosi del vano scale di fronte all’ingresso di un appartamento, ci si aspettava una rapidità di intervento evidentemente non in linea con le priorità dell’amministrazione. Altrettanto grave la situazione in Via Pungilupo, dove la riparazione di un solaio del seminterrato, crollato da più di un mese, prosegue a rilento. In questo caso gli inquilini denunciano che la loro richiesta di messa in sicurezza delle fioriere esterne e di una indagine strutturale sulle fondamenta sia andata a vuoto.

Dall’amministrazione tutto tace, a dispetto delle svariate richieste da parte degli inquilini e dei loro sindacati. Nonostante gli impegni presi e le roboanti dichiarazioni della giunta, anche la proposta di usufruire dei bonus ristrutturazione per le manutenzioni all’edilizia popolare al momento non trova riscontri.

Mentre gli abitanti delle case popolari continuano a soffrire disagi insopportabili, con le infiltrazioni di acqua e muffe rese peggiori dalla recente ondata di maltempo, il Comune continua a investire nella lotta ai graffiti e a potenziare il parco telecamere. Insomma, la città si sta trasformando in un Grande Fratello per turisti che non ci sono, mentre chi abita nelle case popolari è costretto a scansare i calcinacci che cadono dai solai e a stare in casa con ombrello e mascherina.

Redazione pisana Lotta Continua

Lorenzo

Pisa: scendono in piazza professionisti/e della cu...
Toscana aeroporti o Corporacion America? L'arrogan...

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Martedì, 22 Giugno 2021

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema