Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricordami

«Il comunismo per noi non è uno stato di cose che debba essere instaurato, un ideale al quale la realtà dovrà conformarsi. Chiamiamo comunismo il movimento reale che abolisce lo stato di cose presente. Le condizioni di questo movimento risultano dal presupposto ora esistente»

(K. Marx)

×

Errore

Table 'lottacontinua.#__easyblog_category_acl_item' doesn't exist

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.lotta-continua.it/

Perù. Giocando con il fuoco. Aggiornamenti.

per-no-pace-senza-giustizia

Perù 28 gennaio 2023. Nuovo corteo di massa a Lima e la repressione reiterata promossa dalla dittatura di Boluarte. A quasi 10 giorni dall'inizio delle  marce a Lima  e a poco meno di due mesi dalle proteste a livello nazionale, continuano le  mobilitazioni nella capitale del Perù  . Allo stesso modo, blocchi stradali  e concentrazioni persistono  in varie regioni. Migliaia di peruviani chiedono le dimissioni di  Dina Boluarte , il cambio della presidenza del  Congresso  e l'apertura di un dibattito su una modifica costituzionale. Nonostante il numero di morti e feriti, la repressione delle truppe del PNP contro  i manifestanti  è sempre più violenta. Ci sono stati  scontri in Abancay Avenue . Gli studenti universitari si uniscono alle proteste a Lima. Diversi sindacati studenteschi si sono uniti alle proteste nelle strade di Lima. L'UNMSM, Villareal, UNA, tra gli altri, sono venuti con i loro manifesti. 

Perù. Giocando con il fuoco

Da Resumen Latinoamericano il 28 gennaio 2023  Di Gustavo Espinoza M.

Spostare 500 soldati, protetti da carri armati e armati di armi da guerra, nel sud del Paese per neutralizzare le proteste delle popolazioni di Juliaca, Puno e dintorni è a dir poco giocare con il fuoco. È anche l'espressione ha una doppia connotazione.

Primo: perché pone gli uomini in uniforme davanti a un dilemma non voluto. Nessuno entra in un'istituzione militare con l'idea di rivolgere le armi contro il popolo e uccidere i propri compatrioti. Personaggi oscuri, come Thelmo Hurtado o Álvaro Artaza, il “Comandante del camion”, hanno preparato quell'incubo; ma anche loro non avevano altra scelta che fuggire dalla realtà - e da se stessi - per non affrontare un'orrenda colpa. 

Ma, anche perché chi assume la disposizione ad emanare tale ordinanza non può essere del tutto sicuro che i suoi ordini saranno eseguiti "senza dubbi o recriminazioni".  La soggezione ha dei limiti. e tutti, anche "quelli di sotto", li conoscono 

Il fatto è che la cultura politica si è diffusa, e oggi arriva in caserma. Lì si sa anche che nessuno deve obbedienza a un ordine improprio. In altre parole. nessuno può ordinare a un soldato di diventare il carnefice del suo popolo semplicemente perché è l'ultimo anello della catena di comando. 

Simón Bolívar, il Liberatore delle 5 Nazioni, lanciò allora una frase lapidaria che oggi appare emblematica: "Maledetto il soldato che rivolge le armi e spara al suo popolo!". E, preveggente, lo ha detto in Perù, e quasi alla vigilia della battaglia di Ayacucho, di cui celebreremo il centenario nel dicembre del prossimo anno. 

Oggi, cento anni dopo, i nostri soldati - “ il popolo in armi ”, si dice - marciano per i territori selvaggi degli altipiani bussando alle porte di villaggi e città. Juliaca, Ilave, Juli, Yunguyo, Desaguadero e altre città registrano il loro passaggio con uno strano miscuglio in cui la paura si confonde con la speranza. Le popolazioni dovranno accoglierle con fondato riserbo, ma anche con un soffio di illusioni e di speranze.  

Negli anni della violenza, quando il sangue scorreva sulle Ande e la morte governava Ayacucho, Huancavelica, Apurimac e altre regioni, la gente di Puno ha saputo tenere a bada le due espressioni in voga: escursionismo in azione e Terrorismo di Stato. Entrambi alla fine si sono espressi, ma in modo isolato, e non hanno compromesso i nuclei fondamentali della società locale.

Qualche settimana fa, nei primi giorni di gennaio, a Puno si sono svolte drammatiche scene di orrore. Con il pretesto di "ripristinare l'ordine"   e  "affrontare il caos",  la polizia nazionale ha attaccato la folla con sangue e fuoco che portavano una profonda rabbia accumulata. L'esito è stato una scia dolorosa che ha sbalordito il Paese: 19 morti, che oggi sono appena un terzo di quelli avvenuti nello scenario peruviano. 

Il mondo ha assistito con stupore a ciò che sta accadendo. In Danimarca, Svezia, Francia, Germania, negli stessi Stati Uniti e certamente nella recente assemblea del CELAC, hanno parlato popoli e governi. E tutti loro hanno avuto solo parole di condanna della barbarie radicata sul nostro suolo.  

Ma se ci atteniamo alle disposizioni recenti, sembra che il sangue versato non abbia finito di saziare quelli "dall'alto": vogliono di più. Inviano poi alla base dell'istituto armato -i soldati- affinché completino la quota che si aspettano installati nelle loro residenze estive.  

Non va dimenticato che nell'istituzione militare permane un'eredità indelebile. Il 18 dicembre 2014, presso la Scuola Militare di Chorrillos, si è svolta la cerimonia di laurea della Promozione CXXI, che nella circostanza portava il nome di  Juan Velasco Alvarado. 

Chi pensava che si fosse spento il ricordo dell'uomo che ha scritto sulla pietra quello del binomio "Popolo e Forze Armate", può rimanere piacevolmente sorpreso o atterrito, a seconda della scelta di coscienza. Lì scopriranno che contadini e soldati affrontano una sfida comune: aprire la strada a una comprensione storica che faccia luce sulla nostra cupa oscurità di oggi.

Fu Velasco a dire che le Forze Armate avrebbero dovuto cambiare ruolo nel Paese. Tradizionalmente, utilizzato come custode di interessi oligarchici; ora sarebbe uno strumento di liberazione nazionale. Accadrà inevitabilmente ora? Forse non è ancora maturato, ma accadrà. Nessuno ne dubita. 

Per ora le “misure complementari” adottate per domare la resistenza del popolo di Puno sono state brutali; lo hanno privato dell'acqua, dell'elettricità e dei servizi di comunicazione di base. Vogliono che tu ti senta isolato. E quel messaggio è uscito brutalmente con le stesse parole di Dina Boluarte: "Puno, non è il Perù".

L'espressione riflette la volontà della classe dirigente. Non vuole l'eredità di Micaela Bastidas. Si sente parte di un'aristocrazia criolla intossicata dal Potere e dalla Ricchezza. Sogna di addestrare soldati, per trasformarli in assassini del suo popolo. Per farlo meglio, nega le nostre stesse tradizioni di solidarietà e cerca così di allontanarci dai nostri fratelli in America: Messico, Honduras, Colombia, Bolivia, Cile. 

Li odia tutti. Oggettivamente, sta giocando con il fuoco.

https://www-resumenlatinoamericano-org.translate.goog/2023/01/28/peru-jugando-con-fuego/?_x_tr_sl=es&_x_tr_tl=it&_x_tr_hl=it&_x_tr_pto=sc

 

Possiamo ancora dirci di sinistra? La sinistra è s...
Chi finanzia le testate nucleari

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

 

Commenti

Nessun commento ancora fatto. Sii il primo a inserire un commento
Già registrato? Login qui
Ospite
Lunedì, 26 Febbraio 2024

Immagine Captcha

Notifiche nuovi articoli

Contatti

Per contatti, collaborazioni, diffusione, abbonamenti, sottoscrizioni e tutto quanto possa essere utile alla crescita di questo foglio di lotta, scrivete alla

Redazione

Copyright

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n.62 del 7-3-2001.

Lotta Continua

is licensed under a
Creative Commons Attribution - NonCommercial - NoDerivatives 4.0 International license.

Licenza Creative Commons

© 2018 Redazione di Lotta Continua. All Rights Reserved.
Sghing - Messaggio di sistema